ITS Academy: un ponte diretto per l’accesso al lavoro

[et_pb_de_mach_post_meta display_inline=”on” _builder_version=”4.17.3″ _module_preset=”default” meta_item_font=”Font testo|600|||||||” meta_item_font_size=”16px” global_colors_info=”{}”][et_pb_de_mach_post_meta_item label_name=”Postato il ” link_item=”off” post_date_custom=”d M Y ” _builder_version=”4.17.3″ _module_preset=”default” meta_item_font=”Font testo||||||||” global_colors_info=”{}”][/et_pb_de_mach_post_meta_item][/et_pb_de_mach_post_meta]

Sempre più spesso si sente parlare di ITS Academy, ma sono ancora pochi gli studenti che conoscono questa interessante alternativa ai tradizionali corsi universitari che rappresenta spesso una corsia privilegiata per l’accesso al lavoro. Basti pensare, infatti, che dal monitoraggio 2022 condotto dal sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro, relativo ai percorsi conclusi nel 2020, emerge che l’80% dei diplomati ha trovato lavoro a un anno dal diploma e, di questi, il 91% in un’area coerente con il percorso concluso. Molte aziende preferiscono assumere chi ha frequentato un ITS perché è un istituto che offre alte specializzazioni tecniche e pratiche rispetto ad altri percorsi formativi. Agli ITS, infatti, è affidato il compito di potenziare e ampliare la formazione professionalizzante di tecnici superiori con elevate competenze tecnologiche e tecniche, per sostenere lo sviluppo economico e la competitività del sistema produttivo del Paese. In effetti le Academy prevedono che il 30% delle ore di formazione sia svolto in stage nelle aziende, così da apprendere sul posto le competenze tecnico-tecnologiche richieste per svolgere la professione. Gli ITS permettono, dunque, agli studenti di sperimentare un modo diverso di imparare un mestiere attraverso un’esperienza diretta sul campo, affrontando situazioni e problemi molto vicini alla vita lavorativa reale. Nella nostra regione esistono 5 ITS: Sistema Meccanica e Informatica a Lanciano, Mobilità Sostenibile a Ortona, Sistema Agroalimentare a Teramo, Efficienza energetica a L’Aquila e Moda a Pescara. Tornando ai numeri e al rapporto tra Istituti Tecnici Superiori e lavoro, la zona d’Italia dove si richiedono più diplomati ITS è il Nord Ovest, con il 37% delle entrate previste, segue il Nord Est con il 32%, il Centro con il 21% e le regioni del Sud e le Isole con il 19%.

La meccanica rimane di gran lunga il settore dove c’è più richiesta di diplomati ITS Academy, con circa 14.300 entrate previste, seguita dal settore della comunicazione e dello sviluppo di sistemi software (8.000 entrate). Arrivando in Abruzzo, la domanda di diplomati tecnico superiori è di 600 unità. Per i 5 ITS operanti in Abruzzo sono 12 i corsi attivi con un totale di 323 iscritti (fonte Indire, Banca Dati Nazionale ITS, aprile 2022). Gli esiti del monitoraggio Indire al 2020 presentano poi i seguenti dati: il 66,1% delle ore è svolto con docenti provenienti dal mondo del lavoro e su 272 iscritti, 187 studenti si sono diplomati e 147 sono stati assunti entro 1 anno (78,6%).

Antonella Luccitti
Socievole, chiacchierona e curiosa dalla nascita, ho assecondato questa naturale inclinazione scegliendo il giornalismo come ragione di vita prima ancora che come professione.

Leggi anche