Il Regno Unito alla scoperta dell’Abruzzo e dei suoi vini

[et_pb_de_mach_post_meta display_inline=”on” _builder_version=”4.17.3″ _module_preset=”default” meta_item_font=”Font testo|600|||||||” meta_item_font_size=”16px” global_colors_info=”{}”][et_pb_de_mach_post_meta_item label_name=”Postato il ” link_item=”off” post_date_custom=”d M Y ” _builder_version=”4.17.3″ _module_preset=”default” meta_item_font=”Font testo||||||||” global_colors_info=”{}”][/et_pb_de_mach_post_meta_item][/et_pb_de_mach_post_meta]

Il territorio abruzzese raccontato attraverso i suoi vini nel numero di gennaio della rivista britannica GLUG.

Questo è il punto di arrivo di un progetto per la promozione delle eccellenze regionali italiane nel Regno Unito che nasce dalla collaborazione di Agenzia di Sviluppo con Agenzia ICE e WINE52, un wine club con una propria piattaforma online con sede ad Edimburgo.
La nostra regione è stata scelta per rappresentare uno dei 5 Italian Themes e far scoprire attraverso le pagine del magazine GLUG le bellezze turistiche, artistiche e culturali che l’Italia può offrire.

Sfogliando le 67 pagine del magazine si passa dal Castello di Rocca Calascio alle tradizioni del giorno di San Martino attraverso le narrazioni di un gruppo di giornalisti appassionati dell’Abruzzo.

Protagoniste, insieme alle bellezze naturali, anche sei cantine vinicole scelte tra tutte le candidate al progetto WINE52: Cascina del Colle, Chiusa Grande, Borgo Venna, Ettore Galasso, Redmont-Di Tonno Estate, Tenuta Arabona.
I lettori della rivista britannica potranno rendere multisensoriale il loro tour in Abruzzo ordinando la Wine Box appositamente creata dagli autori che porterà nei loro calici tutti i profumi e i sapori dei nostri vini.
Se anche voi bevete abruzzese e “masticate” l’inglese…. have a taste here!https://www.beer52.com/glug/category/italy#page=1

Per maggiori informazioni scriveteci a info@agenziadisviluppo.net

Articolo di Andreea Mighiu e Marco Pesce, Agenzia di Sviluppo

Marco Pesce
Coordinatore eventi internazionali in Agenzia di Sviluppo con 18 anni di esperienze vissute al fianco delle imprese abruzzesi ed una camera oscura come comfort zone.

Leggi anche